SelfieChemistry – Foto|Chimica

kem2016-002_n16Ho diverse proposte didattiche che partono dall’uso della fotografia per allargarsi a molti ambiti, tra cui:

  • la chimica di base, con sconfinamenti nell’ottica
  • la scienza del colore, la colorimetria e le relative applicazioni pratiche
  • l’intersezione tra la fotografia  reale (pellicole, stampe…) e quella virtuale dei bit
  • le tecniche di stampa fotografiche, artistiche, industriali, tessili
  • l’educazione visiva
  • la storia degli ultimi due secoli attraverso la chimica e la tecnologia

selfie1rrLe fotocamere a soffietto anni ’20 si sposano molto bene ai bastoni da selfie, e costano molto meno di un discreto cellulare.
Questo esempio di selfiechimica è della primavera del 2015, fatta con la mia fedele Zeiss Trona per una ricerca insieme ad un artista visivo “digitale”.
L’immagine originale, in lastrina 6.5×9 cm, supera abbondantemente i 200 MPixel…

Nel corso degli anni ho tenuto lezioni che incrociano questi temi, in vari contesti professionali o amatoriali, come moduli a sé stanti o inserite in corsi di vario genere. Attualmente le sto strutturando come attività di divulgazione scientifica e di educazione permanente.

Alcune di queste proposte sono statekemdsca9925 sviluppate in un progetto didattico annuale svolto nel  2015/16 al Setificio di Como, da cui sono già nate alcune interessanti diramazioni.

L’uso diretto di fotocamere che han testimoniato un secolo,
la genesi del colore dalle immagini monocromatiche,
lo sviluppo delle pellicole al profumo di caffè,
gli anaglifi 3D dal XIX al XXI secolo,
molti spettri, inclusi quelli infrarossi,
lo smartphone che dialoga con le folding

…eccetera

possono dare spunto a molte possibili esperienze, per raggiungere sia adolescenti sia seniores,
con un livello di approfondimento variabile
kemprovettedall’introduttivo- amatoriale
fino ad alcuni aspetti di livello pienamente professionale
(in particolare nella chimica e nella gestione del colore),
per interventi che possono andare
da un paio d’ore ad un programma esteso nell’arco di settimane.

Posso procurare, in funzione della richiesta, fotocamere o altri materiali ottici per coprire più o meno ogni settore tra quelli indicati, così come posso mettere a disposizione alcune fotocamere da battaglia che possono essere usate direttamente da chi segue i corsi, dal 18×24 mm al 9×12 cm.

Fotocamere ed obiettivi sono oggetti reali, vivi, che permettono di collegarsi alla storia di chi le ha usate ed alle immagini che hanno ripreso: la storia europea del ‘900, la storia familiare di chi le ha trovate in un cassetto.

Vedere la pellicola uscire sviluppata dal trattamento  è affascinante per chi lo fa da una vita: ma aggiunge un aspetto materico del tutto nuovo per chi non ha visto altro che bit. E non richiedono ambienti particolarmente attrezzati, né per negativi b/n, né per il trattamento a colori del negativo (C41) o persino delle diapositive (E6).

 

Se sei interessato, puoi propormi qualche idea, e insieme studieremo come renderla coinvolgente e originale.
Perché, anche in questo caso, se è noiosa non è chimica.